Job-in 3.0 – bando spazi

Si tratta di un avviso pubblico di selezione bandito dal Comune di Bergamo per l’affidamento per tre anni in comodato di immobili comunali per la realizzazione di progetti di imprenditività giovanile.

I due immobili di recente costruzione che verranno affidati in comodato d’uso gratuito continuativo ed esclusivo sono siti in via San Giovanni 1H (zona Parco Suardi) e in via Tagliamento 7 (quartiere Grumello). Ai soggetti comodatari verrà inoltre riconosciuto un contributo economico.

I destinatari sono imprese, professionisti e associazioni con partita iva con età compresa tra i 18 e i 35 anni, già costituiti in forma giuridica, e con sede legale e/o operativa nei comuni facenti parte dei tre ambiti territoriali di riferimento del progetto.

Il progetto Job In 3.0 è finanziato da Regione Lombardia e – con capofila il Comune di Bergamo – è promosso dai tre Ambiti di Bergamo, Dalmine e Valle Imagna-Villa d’Almè insieme ad un’articolata rete di partner che comprende Provincia, Comuni, Università, Associazioni di categoria, Enti di formazione, Terzo settore, Associazioni e Imprese giovanili (info ed elenco comuni).

HG80 impresa sociale, partner del progetto, ne ha condiviso l’impostazione generale e ha coordinato la comunicazione e la formazione per le neo-imprese, avvalendosi sempre di giovani professionisti.

ARTE PER L’IMPRESA

SORINT, Azienda leader nell’informatica coinvolge HG80 per l’eventio che celebra i 30 anni di attività: negli spazi del museo di Arte Contemporanea ALT di Alzano Lombardo prende vita una performance collettiva con oltre 300 dipendenti coinvolti.

Nel novembre 2016 , in occasione dell’evento di Bonaldi Auto SPA per la presentazione al pubblico del nuovo modello di AUDI Q2, HG80 ha curato la performance live di street-art e, in collaborazione con l’associazione Parkor Wave, l’esibizione di parkour.

 

Polaresco 2.0

Workshop partecipato per la riprogettazione dello Spazio Polaresco, quartier generale delle Politiche giovanili del Comune di Bergamo.

Il workshop sì è svolto  il 19 marzo 2016 ed è stato strutturato in diverse fasi con lavori di gruppo e attività plenarie. Ha avuto lo scopo di fornire indicazioni e orientamenti all’Amministrazione comunale per la stesura del bando di assegnazione dello Spazio Polaresco.

Al workshop hanno partecipato oltre 50 giovani under-30, tra singoli e rappresentanti di associazioni o gruppi informali.

HG80 ha sviluppato il workshop occupandosi dell’ideazione delle strategie di conduzione, dell’organizzazione e della promozione e della conduzione del workshop stesso

Job-in. Bando Idee

Il Bando Idee premia le migliori idee progettuali, in termini di attività economica, presentate da giovani tra i 18 e i 35 anni compresi residenti all’interno dei tre Ambiti di Bergamo, Dalmine e Valle Imagna.

In palio contributi economici a fondo perduto, abbinati a voucher da spendere in servizi di consulenza all’interno di un elenco di professionisti giovani selezionati dal ??Bando Competenze e a un percorso di formazione.

Il progetto Job In 3.0 è finanziato da Regione Lombardia e – con capofila il Comune di Bergamo – è promosso dai tre Ambiti di Bergamo, Dalmine e Valle Imagna-Villa d’Almè insieme ad un’articolata rete di partner che comprende Provincia, Comuni, Università, Associazioni di categoria, Enti di formazione, Terzo settore, Associazioni e Imprese giovanili (info ed elenco comuni).

HG80 impresa sociale, partner del progetto, ne ha condiviso l’impostazione generale e ha coordinato la comunicazione e la formazione per le neo-imprese, avvalendosi sempre di giovani professionisti.

vai alla pagina dedicata per tutte le informazioni

Hackshow workshop!

Laboratorio di tecnologia digitale per lo spettacolo dal vivo, rivolto ad artisti digitali, tecnici audio/video, registi, informatici interessati alla performing art, a perfomers interessati alle nuove tecnologie, a studenti delle accademie ed università ad indirizzo spettacolo o tecnologico.

Il workshop è stato condotto da Michele Cremaschi nell’ambito del progetto “Augmented Stage”, realizzato con il
contributo di Innovacultura -Regione Lombardia, Camere di Commercio lombarde e Fondazione Cariplo.