Laboratorio di scrittura rap/trap

Laboratori di scrittura Rap/Trap – Estate 2019

I laboratori di scrittura creativa rap/trap sono un’esperienza pensata per i ragazzi e le ragazze dai 6 ai 19 anni. Il format è realizzabile in qualsiasi ambiente: dalle scuole, agli spazi aggregativi e presso le strutture parrocchiali. Il laboratorio può durare dai due ai dieci incontri a seconda delle esigenze della struttura.
Obiettivo del laboratorio è l’apprendimento dell’espressività del linguaggio rap, per riuscire a padroneggiarlo e utilizzarlo in qualsiasi campo artistico. Si pone l’accento sull’aspetto emotivo e narrativo della musica hip hop e su ciò che la rende il linguaggio madre della cultura giovanile contemporanea.

 

Durante l’estate 2019 Giovanni Ravasio, in collaborazione con HG80, ha condotto diversi laboratori di scrittura rap/trap in Lombardia. Dal lavoro sulla narrazione territoriale nella scuola media “Pasquale Sottocorno” di Rogoredo (MI), al laboratorio di scrittura creativa svoltosi all’Accademia Carrara di Bergamo durante il Carrara Summer Camp, passando infine per i numerosi Cre e centri ricreativi parrocchiali, accomunati dal motto annuale “Bella Storia”. I Cre di Villaggio Sposi e Mapello (BG) e Suello (LC) hanno svolto una riflessione sulla “Storia” di ognuno di sè, un viaggio attraverso i propri talenti e le sfide del percorso!

I ragazzi adolescenti del campus “E!State Liberi!”, il camp annuale di Libera, associazione contro le mafie, quest’anno svoltosi a Redona (BG), hanno invece creato una canzone rap “anticaporalato”. Il brano è stato prodotto in seguito alle riflessioni sul tema, dopo incontri con vittime del crimine organizzato e testimoni.

Evento Educare con l'hip hop

Workshop: Educare con l’hip hop

Giochi di resistenza ed esperienza esplorando il linguaggio rap

 

HG80 vuole proporre un workshop in cui approfondire questo fenomeno musicale, ricostruendone la storia passata e recente ed esplorando le modalità attraverso cui educare con l’hip hop le nuove generazioni.

 

La cultura hip-hop, considerata nelle sue differenti diramazioni espressive (rap, writing, djing e breakdance), si è ormai diffusa in maniera composita tra la popolazione giovanile del Paese, travalicando i perimetri identitari che la contraddistinguevano negli anni ’90 per abbracciare un pubblico sempre più ampio ed eterogeneo.

Questa diffusione capillare apre perciò nuovi interrogativi, genera nuove preoccupazioni e paure ma, al contempo, spalanca nuovi spazi di opportunità, creativi ed espressivi in primis, ma anche educativi e pedagogici.

Come forma espressiva, il rap è infatti un potente linguaggio in grado di dialogare con il proprio tempo, di narrare il presente raccontando tensioni, conflitti e sentimenti  di singoli individui e di intere generazioni in differenti periodi  storici.

 

Il workshop si svolgerà sabato 1 giugno dalle 14.00 alle 18.00 presso lo Spazio Polaresco.

A seguire ci sarà la presentazione pubblica del Bilancio Sociale di HG80 con buffet offerto.

 

——————————–

PROGRAMMA:

 

Ore 14.00 -> Presentazione Workshop

 

Ore 14.15 -> ‘’Genealogia hip hop: dal Bronx Newyorkese, all’approdo nella controcultura Italiana degli anni ’90 all’emersione della nuova scena Trap’’

Conducono: Davide Fant, Paolo Baraldi, Giovanni Ravasio

 

Ore 15.00 -> ‘’Pedagogia hip hop. Gioco, esperienza, resistenza’’

Presenta: Davide Fant

 

Ore 16.00 -> Laboratori esperienziali:

1) Scrittura Creativa con Giovanni Ravasio e Stefano Cesena

2) Poesia dai testi Trap con Davide Fant

 

pausa

 

Ore 17.30 -> Conclusione ‘’performativa’’

 

 

——————————–

DESCRIZIONE LABORATORI:

 

  1. Laboratorio esperienziale di ‘’Scrittura Creativa’’:

Giovanni Ravasio e Stafano Cesena condurranno il gruppo attraverso un processo realistico di ideazione e produzione di un testo rap ripercorrendone le principali fasi. Il laboratorio permetterà dunque di immedesimarsi nei processi riflessivi e creativi caratteristici della scrittura rap.

 

2. Laboratorio esperienziale di  ‘’Poesia dai testi Trap’’:

Partendo da alcuni tra i testi Trap attuali più conosciuti, Davide Fant analizzerà il rapporto tra testo musicale e testo poetico mettendone quindi in luce similitudini e potenzialità educative.

 

 


 

 

PER ISCRIVERSI AL WORKSHOP EDUCARE CON L’HIP HOP:

Compilare il seguente form entro giovedì 30 maggio

Iscrizione gratuita

Info: info@hg80.eu

Educazione alle differenze

Progetto Educazione alle differenze

Il progetto AltreStoriePossibili nasce nel 2015 con l’obiettivo di estendere la riflessione attorno all’Educazione alle Differenze in ambito educativo sul territorio di Bergamo, arrivando alle famiglie, ai bambini e alle bambine, ma anche ai professionisti e alle professioniste che di educazione si occupano a vari livelli.

E’ un progetto nato dalla collaborazione tra Hg80 e l’associazione Immaginare Orlando.
Sono nati da questa unione alcuni appuntamenti in librerie del territorio e in altri contesti pubblici attraverso laboratori aperti a bambini, bambine e famiglie che, utilizzando la narrazione di alcuni testi per l’infanzia, ragionano attorno al tema della differenza in tutte le sue sfaccettature polisemantiche.

 

Educazione alle Differenze significa educare alla possibilità di essere riconosciuti per come si è, a prescindere dalla provenienza geografica, dal colore della pelle, dalla religione di appartenenza, dalle scelte affettive, dalla lingua che si parla…
Questa riflessione porta con sé un grande lavoro di ricerca e continuo aggiornamento che il gruppo di lavoro di Orlando/Hg80 sta compiendo verso una contaminazione/confronto/trasformazione con e per la comunità educante.
Riuscire a confrontarsi con educatori/trici, insegnanti, dirigenti, pedagogisti, formatori, bambini e bambine, famiglie attorno al tema dell’Educazione alle Differenze diventa per noi vitale come progetto di cambiamento condiviso verso una comunità in movimento consapevole dei propri stereotipi.

 

E’ tempo che i genitori insegnino presto ai giovani
che nella diversità c’è bellezza e c’è forza.
Maya Angelou

Caccia al Libro Bergamo

Caccia Al Libro Bergamo

Caccia al Libro è la storica iniziativa promossa dall’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Bergamo. È nata con l’obiettivo di promuovere la lettura nelle giovani generazioni attraverso una caccia al tesoro che si svolge lungo le vie della città.

L’iniziativa prevede infatti l’organizzazione di dieci differenti prove dislocate in dieci tappe per le vie della città. Attraverso queste tappe, i partecipanti hanno l’opportunità di scoprire o riscoprire, tramite giochi fisici o quiz letterari, importanti romanzi classici e contemporanei della letteratura. Le prime tre squadre classificate sono premiate con buoni per l’acquisto di libri: il primo premio per un valore di 500 euro, il secondo di 250 euro, il terzo di 125 euro.

 

Negli anni la Caccia Al Libro ha conosciuto un incremento costante di partecipanti, passando dai 140 ragazzi del 2013 ai più di duecento nel 2017Nel 2019 hanno iniziato la caccia 29 squadre, per un totale di 200 ragazze e ragazzi provenienti da Bergamo e provincia. L’iniziativa rappresenta dunque ormai un appuntamento significativo e consolidato nel panorama cittadino giovanile della città di Bergamo.

 

HG80 si occupa della gestione organizzativa e promozionale dell’iniziativa, che da anni realizza in collaborazione con i giovani del gruppo Scout Agesci di Bergamo nell’ambito della Fiera dei Librai di Bergamo.

Convegno Futuro Prossimo Bergamo

Convegno #FuturoProssimo

#FuturoProssimo è un convegno sulle Politiche per i giovani svoltosi sabato 13 ottobre 2018 allo Spazio Polaresco a Bergamo. L’organizzazione è a cura del Comune di Bergamo in collaborazione con il Consorzio Sol.co Città Aperta e Hg80 Impresa sociale, nell’ambito della co-progettazione sulle Politiche giovanili.

 

Nel corso del convegno Daniela Marzana dell’Istituto Toniolo di Milano ha presentato il Report Giovani 2018, la più approfondita raccolta di dati sul mondo giovanile in Italia. Inoltre hanno avuto spazio tre esperienze bergamasche che hanno scommesso sulla capacità del territorio di fare rete e sistema. Si tratta del network tra gli undici spazi giovanili del Comune di Bergamo, del progetto Be Young’s della Diocesi di Bergamo e della rete P@sswork, protocollo di intesa per la nascita di spazi di coworking solidale in provincia di Bergamo.

 

Il convegno #FuturoProssimo di Bergamo ha fornito elementi di approfondimento a operatori, amministratori e volontari che lavorano a vario titolo con le giovani generazioni. L’obiettivo è stato quello di aprire un confronto tra giovani e soggetti che operano con i giovani stessi.

 

In quanto partner di una coprogettazione con il Consorzio Sol.co Città Aperta e il Comune di Bergamo, HG80 ha partecipato alle fasi di progettazione dei contenuti del convegno. Si è occupata inoltre della sua organizzazione, comunicazione promozione.

Progetto di arte partecipata Girl Power

Progetto di arte pubblica GIRL POWER

Sulle pareti di una vecchia stazione ferroviaria abbandonata ha preso forma il progetto di arte pubblica GIRL POWER. Alessandra SENSO Odoni, Le BAIDOS e Paolo il BARO Baraldi hanno infatti dipinto i 4 lati del manufatto e lanciato un forte, inequivocabile messaggio. GIRL POWER, progetto di arte pubblica del Bando Street Art è curato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Bergamo. Il bando ha fatto da cornice a questo e ad altri interventi di Street Art diffusi sul territorio cittadino.

Comunicazione Convegno #Futuroprossimo

Sentieri creativi tra arte e montagna ostello al Curò Bergamo

Sentieri Creativi, tra arte e montagna

Sentieri Creativi è un progetto che coniuga arte e montagna.

Nel corso delle edizioni 2016 e 2017 il progetto è stato ripensato per offrire ai giovani artisti partecipanti una formazione nel campo dell’arte nel paesaggio e dare loro la possibilità di lasciare un segno nelle Orobie bergamasche.

A seguito di un bando pubblico, sette giovani artisti under 30 residenti nella provincia di Bergamo trascorrono una settimana in residenza presso l’Ostello al Curò, situato a 1895 slm. I giorni in quota di Sentieri Creativi sono pensati come un laboratorio d’arte e d’esperienza, durante cui si svolgono lezioni frontali, camminate e attraversamenti del paesaggio di montagna. Si conclude con un lavoro formale su un modello e la realizzazione di un’opera permanente nei pressi del Curò. Durante la residenza vengono inoltre invitati degli esperti di flora orobica e di arte del paesaggio.

 

Uno solo il progetto vincitore. L’artista vincitore ha disposizione 2000€ di premio per realizzare la sua opera.

Le opere vincitrici:

  • 2016 NIDO DI PIETRA di Marta Petteni
  • 2017 SCRATCH IN THE STONE di Alberto Rocchetti
  • 2018 LITURGIA PRIMA di Tea Andreoletti

 

HG80 coordina, in raccordo con il Servizio Giovani, tutte le fasi del progetto, curando la raccolta delle proposte, la relazione con i partner (Comune di Valbondione, Accademia di Belle Arti G. Carrara e il CAI – Bergamo) e con gli artisti selezionati, la comunicazione e la promozione e la realizzazione della residenza artistica e della logistica per la creazione dell’opera.

 

Comune di Levate politiche giovanili

Politiche Giovanili Comune di Levate

Dal 2015, HG80 si occupa della progettazione di interventi socio-animativi inerenti alle Politiche Giovanili per conto del Comune di Levate. Varia la natura degli interventi realizzati, che si sono sviluppati attraverso pratiche, linguaggi e con finalità differenti.

 

Carro di Carnevale

Per due anni consecutivi (2016-2017), HG80 ha coordinato il gruppo giovanile di Levate nella realizzazione del carro di Carnevale che ha sfilato durante la festa di mezza quaresima di Levate e di Bergamo.

 

Iniziative estive

Durante il periodo estivo, HG80 ha affiancato i gruppi giovanili della città nella progettazione e realizzazione di numerose attività ricreative, sportive, artistiche e musicali. La musica, principalmente la musica rap, ha rappresentato un elemento significativo nel veicolare nuovi linguaggi ed espressività giovanili. Perciò due cicli di incontri e alcune jam session sono diventati occasione di incontro e scambio tra crew prevenienti da Levate e dai paesi limitrofi. Il ciclo di incontri è culminato in due manifestazioni pubbliche: il Levate Stike Fest (2016) e il Festival Park (2017), momenti aperti all’intera cittadinanza e opportunità di esibizione pubblica per i giovani del paese.

 

Arte urbana

Una serie di interventi di arte urbana hanno portato alla riqualificazione di alcune aree del comune di Levate, quali il sottopassaggio della stazione e i muri del bar all’interno del parco comunale.

 

Laboratori per infanzia e pre-adolescenza

HG80 ha organizzato inoltre una serie di laboratori destinati alla fascia dell’infanzia e della pre-adolescenza. Nel laboratorio di ‘’Drum Circle’’ 15 pre-adolescenti hanno realizzato strumenti a percussione ri-utilizzando oggetti di scarto, e poi un’‘’orchestra’’ collettiva con questi strumenti. Durante il laboratorio artistico natalizio 20 bambini hanno sviluppato un’opera di ‘’arte partecipata’’: un albero di Natale esposto davanti al Comune di Levate durante il periodo natalizio.

 

Tutti questi progetti sono stati condotti attraverso un processo collettivo che ha incentivato la partecipazione, il protagonismo e l’attivismo dei giovani. L’obiettivo è stato quello di valorizzare e far emergere le sensibilità, gli interessi e le forme espressive e comunicative delle nuove generazioni.

Educazione alla multiculturalità inclusione alunni rom e sinti

Educazione alla multiculturalità

Formazione sull’educazione alla multiculturalità rispetto al tema “Alunni e alunne rom e sinti: spunti di pratiche per l’inclusione”, presso l’Istituto Comprensivo di Gorlago.

Il percorso formativo si è sviluppato in due tempi:

  1. Il primo dedicato ad una infarinatura teorica attorno alla storia della minoranza rom e sinta in Italia.
  2. Il secondo dedicato alla costruzione di possibili pratiche inclusive verso i minori dell’Istituto Comprensivo in oggetto con una panoramica attorno a materiali e contatti istituzionali nazionali e locali.